VeroRock
Image default
News SOMMARIO

MATT PIKE (High On Fire e Sleep): pubblica il debutto solista ‘Pike vs. the Automaton’!

COMUNICATO STAMPA

Ha riscritto le regole dell’hard rock con gli HIGH ONFIRE, vincitori di un Grammy, e ha definito il genere doom metal con il trio SLEEP. Matt Pike ha incanalato il suo talento naturale in un percorso d’acciaio che va dritto al cuore del nucleo fuso del metal moderno. Oggi Pike pubblica il suo LP di debutto solista, “Pike vs the Automaton” su MNRK Heavy. Musica, merchandise e altro sono disponibili su PikeVstheAutomaton.com.

Ispirato dalle sfide portate da una pandemia mondiale, nato sotto infernali cieli rosso-arancio generati dagli incendi devastanti della costa occidentale, e costruito tra le rivolte e i raduni politici a Portland, OR, il debutto solista di Pike, “Pike vs the Automaton”, è una liberazione sia musicale che emotiva. Il disco è stato scritto da Pike con il batterista Jon Reid, contiene contributi di un gran numero di familiari e amici, ed è stato registrato con il collaboratore di lunga data Billy Anderson, il produttore che ha tirato fuori il meglio da Pike in precedenza su pietre miliari come “Surrounded by Thieves” e “Sleep’s Holy Mountain”.

“Pike vs the Automaton” ha incontrato una valanga di consensi da parte dei fan e della critica nelle settimane precedenti la sua uscita, venendo definito “un’esplosione psych-rock” dal Chicago Reader, e “emozionante” da Revolver. Blabbermouth ha dichiarato: “È un dato di fatto nell’heavy metal che Matt Pike sia un duro“, Decibel ha definito Pike “un pioniere visionario “, Glide ha chiamato Pike “uno dei rocker più tosti del pianeta“, Guitar World ha ritenuto Pike “un equivalente moderno di Tony Iommi“, e Pitchfork ha scritto: “Pike è biologicamente portato a scrivere e suonare riff heavy metal corposi“.

HIGHFIRE_04_05

Il titolo dell’album, ‘Pike vs. the Automaton’, non era una questione di ego per me. Billy e Jonhanno detto: ‘Amico, dovresti usare il tuo nome qui. Questo è il tuo progetto solista’. Ho detto: ‘Non voglio farlo’. L’Automaton, nella mitologia greca, è il grande robot che è il guardiano degli dèi, fondamentalmente. È una grande macchina senz’anima chiamata Talos. La grande macchina che sta lavorando contro l’umanità in questo momento. In ‘Giasone e gli Argonauti’, Giasone e gli Argonauti devono combattere questa grande macchina che protegge l’isola. Fondamentalmente, ciò che il titolo dell’album dice, metaforicamente, è ‘Pike contro il mondo’“.

Da “Pike vs. the Automaton” sono stati estratti i video di “Alien Slut Mum” dal titolo bizzarro (con Pike, Anderson e l’equipaggio dei PVTA in una sconvolgente avventura nella natura) e “Land” – con il chitarrista dei Mastodon Brent Hinds – che Pike descrive come “totalmente diverso, come una vecchia canzone blues”. Guarda “Alien Slut Mum” qui e guarda “Land” a questo indirizzo.

Ho fatto un disco di rock psichedelico che piacerebbe ai fan degli Sleep e degli High on Fire“, continua Pike quando gli viene chiesto di descrivere “Pike vs the Automaton”. “E forse potrebbe piacere anche a chi non è fan degli Sleep o degli High On Fire. Sicuramente penso che sia interessante; ha il D-Beat punk, il two-step. C’è di tutto e funziona, non suona strano. È solo un disco di rock psichedelico fuori dagli schemi“.

I musicisti ospiti di “Pike vs the Automaton” includono Alyssa Maucere-Pike (Lord Dying / Grigax), Chad “Chief” Hartgrave, Brent Hinds (Mastodon), Steve McPeeks (West End Motel), Josh Greene (El Cerdo), Todd Burdette (Tragedy) e Jeff Matz degli High On Fire, che suona il sax elettrico turco nel torreggiante brano di chiusura dell’album “Leaving the Wars of Woe”.

La tracklist di “Pike vs the Automaton” è la seguente:
1. Abusive
2. Throat Cobra
3. Trapped In A Midcave
4. Epoxia
5. Land (VIDEO)
6. Alien Slut Mum (VIDEO)
7. Apollyon
8. Acid Test Zone
9. Latin American Geological Formation
10. Leaving The Wars Of Woe

Matt Pike è un musicista americano noto per il suo lavoro come chitarrista, cantante e frontman della band metal High On Fire, vincitrice di un Grammy Award, e come chitarrista e membro fondatore membro dell’influente trio doom metal Sleep. Universalmente riconosciuto come uno dei più potenti gruppi musicali odierni, gli High On Fire di Pike creano un metal dinamico che fonde la furia e l’aggressività primordiale, la magniloquenza e la pesantezza. Descritti come “un esercizio supersonico della conquista del volume”, gli High On Fire hanno riscritto il libro delle regole dell’hard rock dal 1998, anno della loro formazione, forgiando uno stile e un suono che è allo stesso tempo celebrato dalla critica, estremamente influente e assolutamente unico. Segui Matt Pike su Instagram @MattPike1972

Related posts

OMAR PEDRINI: in libreria dal 17 Novembre il nuovo concert book del leader dei Timoria!

Redazione

MICHAEL SCHENKER (MSG): mezzo secolo d’immortalità!

Raffaele Pontrandolfi

MADVICE: uscito il nuovo album!

Redazione

Leave a Comment

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.