VeroRock
Image default
Album 2021 Recensioni SOMMARIO

BLIND GOLEM – A Dream Of Fantasy

Normalmente (come da tradizione), si dice: ”chiudiamo l’anno con il botto”! Invece, nello specifico, direi che possiamo tranquillamente affermare l’esatto contrario, ovvero che questo 2021 inizia col botto a livello discografico! Voglio essere onesto…se non sapessi la provenienza di questo album, non conoscessi personalmente il  produttore  e in parte gli  interpreti stessi del disco in questione, a occhi bendati e solo sentendo la musica, potrei osare nel dire che è un nuovo album degli Uriah Heep! In realtà, si tratta invece del debutto discografico su Andromeda Relix degli italianissimi Blind Golem, che di fatto nascono  sulle radici solide e ampiamente radicate nel tempo dei Forever Heep, rinomata band veronese , che da anni tributa al meglio la celebre hard rock  band inglese anni ‘70.

In verità  poi, vi è più di un motivo per azzardare tale accostamento, poiché tra i solchi magici di ‘A Dream Of Fantasy’, c’è la presenza del genio compositivo di Ken Hensley, la mente creativa, nonché tastierista  e voce degli Uriah Heep più datati e di maggior peso specifico storicamente parlando (senza nulla togliere agli attuali). Hensley, aveva già condiviso il palco in passato come special guest nei Forever Heep, ma ritrovarlo anche come protagonista  in un brano di questo debutto dei Blind Golem, intitolato “The Day Is Gone” nelle vesti di chitarrista slide e tastierista, e’ davvero tanta “carne al  fuoco”. Se a tutto ciò, sommiamo il fatto che questa è stata l’ultima apparizione e testimonianza musicale lasciateci in eredità dal grande Hensley (morirà a fine 2020 – R.I.P), assume uno spessore di proporzioni ancor più specifiche l’album  in questione, che ora andremo ad analizzare meglio e in modo più approfondito. Iniziamo intanto con il dire che siamo al cospetto di cinque  musicisti molto navigati, apprezzati e con molteplici esperienze alle spalle; i Blind Golem, nascono per volontà dei fondatori  Silvano Zago e Francesco Dalla Riva (rispettivamente chitarra e basso della mitica hard rock blues band Bullfrog ), Simone Bistaffa , tastierista che si era già messo in mostra con il grande Tolo Marton e con  John Papa Boogie, mentre il batterista Walter Mantovanelli  in  passato ha suonato con gente del calibro degli  All Souls Day e  di  Paul Chain (ex storico chitarrista dei Death SS n. d. r.). Infine, il vocalist Andrea Vilardo completa la line-up, vantando nel suo curriculum personale esperienze come vocalist navigato in bands  molto blasonate,  quali Moto Armonico e Trifase.

I Blind Golem, suonano un hard rock di chiara estrazione anglosassone  seventhies, in modo classico e diretto, dove i rimandi ai gia’ più volte citati maestri Uriah Heep si sprecano, ma dove si sente molto nel loro sound anche l’influenza dei Magnum e, a tratti, pure qualche spruzzata qua e la di Yes e Jethro Tull. ‘A Dream Of Fantasy’, è una specie di viaggio musicale  sospeso in aria, che gioca tra realtà e fantasia, dove la mente si abbandona e si fa cullare dai suoni caldi e rassicuranti che ne escono fuori dalle note dei suoi interpreti. Le tessiture chitarristiche, tracciate dal veterano e virtuoso chitarrista Silvano Zago, sono sempre assoluta garanzia di qualità, a cui si sovrappongono armonicamente le linee melodiche create dalle tastiere di Bistaffa, sempre giustamente e prepotentemente protagoniste e in primo piano, come il genere proposto esige. Efficace e mai invasiva la sezione ritmica, su cui si sorregge la voce di un Vilardo all’altezza della situazione in ogni frangente, anche se a tratti non troppo versatile nei cambi di tonalità dove, con maggior coraggio, forse potrebbe “osare di più” sviluppando delle varianti più interessanti ed articolate. In un disco che non conosce cedimenti punti deboli, sorretto da una produzione magistrale e maniacalmente professionale, tra tutte le composizioni proposte eccellono su tutte la gia’ citata “The Day Is Gone”, “ Night Of A Broken Dreams” e “Pegasus”, intensa ed emozionante, che troverebbe certamente i consensi di un capostipite in materia qual’e’ Bob Catley dei Magnum. ”The Gathering” è energia pura, adrenalina vibrante per la mente, come la conclusiva “A Spell And Charm”, che chiude l’album in un crescendo continuo di originalità e freschezza compositiva, facendosi complessivamente preferire nella seconda metà, rispetto ai brani iniziali (sempre di ottima fattura intendiamoci), che risultano leggermente più compassati e meno dinamici.

Lo splendido  artwork epico che raffigura la copertina di ‘A Dream Of Fantasy’ e’ opera niente di meno che del talentuoso Rodney Matthews, che con la sua immensa arte in passato ha concepito capolavori gia’ per artisti del calibro di Magmum, Tygers Of Pan Tang, Diamond Head e Asia tra gli altri! Insomma, i Blind Golem e Andromeda Relix per questo debutto hanno fatto davvero le cose in grande stile e, grazie a questa sinergia, oggi non è più utopistico parlare dei Blind Golem come i nuovi “Heep italiani”. Miracolo italiano quindi? Boh…Il futuro è sempre difficile prevederlo (specie di questi tempi), e forse il bello è anche vivere un po nell’incertezza, ma certo e’ che il tempo sarà sovrano per i Blind Golem, i soli padroni ora del loro destino. Se sapranno ripetersi ancora a questi livelli, allora saremo al cospetto di una meravigliosa nuova realtà, dove sarà tangibile il loro marchio di fabbrica e le basi ora gettate per il prossimo album a venire. Ma, anche se questa dovesse rimanere l’unica testimonianza su disco dei Blind Golem, dobbiamo solo inchinarci, ringraziare e applaudire questi talenti, capaci di averci emozionato al pari dei loro idoli Uriah Heep! Ora, attendo la prova del nove in sede live non appena possibile!

Tracklist:

1) Devil In A Dream

2) Sonbreaker

3) Screaming To The Stars

4) Scarlet Eyes

5) Bright Light

6) The Day Is Gone (feat. Ken Hensley)

7) The Ghost Of Eveline

8) Night Of A Broken Dreams

9) Pegasos

10) The Gathering

11) Star Of The Darkest Night

12) Carousel

13) Living And Dying

14) A Spell And A Charm

Line up:

Silvano Zago: vocals & guitars

Andrea Vilardo: lead vocals

Simone Bistaffa: keyboards & chorus

Walter Mantovanelli: drums

Francesco Della Riva: bass & chorus

SPECIAL GUEST:

Ken Hensley: slide guitar & keyboards

VOTO: 8,5/10

ANNO: 2021

GENERE: Hard Rock/Classic Rock

ETICHETTA: Andromeda Relix

Related posts

REGINA: 30 anni di Queen. Intervista con Diego Chiacchierini

Redazione

EPICA – Requiem For The Indifferent

Marcello Dubla

ALL LITTLE LIES: pubblicano il nuovo singolo e videoclip di “We’ll Be Fine”

Redazione

Leave a Comment

This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.